Rapallo: ripristinato il “Percorso Vita” al Parco delle Fontanine

Taglio del nastro, questa mattina, per il rinnovato “percorso vita” al Parco delle Fontanine, polmone verde nel quartiere di Sant’Anna, a Rapallo. Un’area attrezzata che permetterà a tutti coloro che lo desiderano di praticare sport all’aria aperta. E di questi tempi, non è certo cosa di poco conto!

Un passo indietro… 

Correva l’anno 2004 quando venne inaugurato il secondo lotto del Parco delle Fontanine. Venne chiamato Parco Sport perché, in origine, comprendeva campi da pétanque e, appunto, il Percorso Vita. In seguito, i campi da bocce sono stati sostituiti da un campetto da calcio e da un campo da basket. Purtroppo, con il passare del tempo, il percorso vita aveva subito un deterioramento: vuoi per il degrado naturale del legno (il Parco è stato infatti strutturato con elementi naturali: una scelta molto ecofriendly!), vuoi per gli spiacevoli atti vandalici di qualche buontempone che non ha di meglio da fare che rovinare beni di cui tutti possono usufruire, facendo quindi un danno non solo agli altri, ma pure a se stesso. 

La rinascita del percorso vita

Il rammarico per il progressivo decadimento del Percorso Vita ha portato un gruppo di soci dell’associazione Culturale “Parco delle Fontanine” “Gli amici del Libro” ad autofinanziarsi per ripristinare completamente l’area e dedicarla alla socia Angela Besana, scomparsa lo scorso ottobre a 102 anni (ne avrebbe compiuti 103 proprio oggi).

Le postazioni ginniche e i cartelli multilingua

Ogni tabella del percorso ginnico comprende istruzioni indicate in base al grado di allenamento dell’utente. I cartelli sono multilingua. Le operazioni di ripristino hanno visto la sostituzione dei pali in legno e dei cartelli e il restyling delle attrezzature. Una profonda pulizia del percorso – prima sommerso dalla vegetazione – rende agevole il passaggio da una postazione all’altra. Le “stazioni” sono in tutto 16, posizionate in ordine sparso. In questo modo, gli esercizi si alternano con una camminata. Il che, volendo, consente di allenarsi in “interval training”, rendendo il tutto ancora più performante. 

L’appello al rispetto dell’area pubblica 

«Questa palestra a cielo aperto, unica a Rapallo, è a disposizione della cittadinanza. In questo periodo così difficile, svolge una funzione importante e per questo è molto frequentata – commenta la presidente del sodalizio, Mariabianca Barberis – Come Associazione facciamo del nostro meglio per offrire alla cittadinanza un Parco in ordine, ben tenuto. Ma abbiamo bisogno della costante collaborazione dell’amministrazione e di tutti i fruitori del percorso e del Parco perché sia mantenuto nelle migliori condizioni».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *